Il Volo and Plácido Domingo: an incredible tribute to The Three Tenors in a truly magic night / Il Volo e Plácido Domingo: un incredibile tributo a I Tre Tenori in una notte davvero magica

Il Volo a Firenze/FlorenceIl Volo and Plàcido Domingo enchant Florence and the whole world: a journey in music that highlights the greatness of 4 unique artists…
– Read in English.

Il Volo e Plàcido Domingo incantano Firenze e il mondo intero: un viaggio nella musica che illumina la grandezza di 4 artisti unici…
– Leggi in Italiano.

English

Il Volo and Plàcido Domingo: an incredible tribute to The Three Tenors in a truly magic night by Martina Maggi & Francy.b

In case a couple adjectives were ever needed to describe “Una notte magica – Tributo ai Tre Tenori” (A magic night – Tribute to The Three Tenors), we would probably tell you about an unreal and personal night. Unforgettable, that one is taken for granted!

Shining with lights in gladness – and therefore unreal – stands out the wonderful Basilica of Santa Croce, a chest of Italian glory, with Dante’s monument aside, looking at the stage: there couldn’t have been better set for the legendary Maestro Domingo and for the treasure that Piero, Ignazio and Gianluca represent for our and their country, Italy. Their incredible voices were accompanied by the Orchestra and Choir of the Teatro Massimo of Palermo, conducted by Maestro Marcello Rota; any introduction would turn out to be redundant.

Unreal was the thunder of applause that welcomed Domingo: a ton, a wave that overwhelmed the Maestro to pay tribute to him with the fans appreciation and honor of seeing him live, conducting the three jewels we all believe in.

Personal was each one’s attitude in attending the concert. At 11.30 pm we found ourselves under the stage to enjoy the encore of “Nessun Dorma” without being able to fully realize what we had just witnessed. Indeed, unreal! Just after the last note of the encore was aired, many different reactions appeared: some could not believe it was already over while other were fully satisfied with the experience they had lived; some had welcomed every minute of the show and some had listened to the songs sequence in total ecstasy, without even realizing that time was passing by.
Piero, Ignazio and Gianluca released tension after the final song and breathe a metaphorical sigh of relief – maybe not that metaphorical, actually. This is why they came back on stage, welcomed by encouragement and applause, visibly moved but more quiet: they started to sing again “Nessun Dorma” – the opening song – to thank the audience for his warmth. A moment, a blink of an eye to his family supporting him and to the audience gathering under the stage was enough for Gianluca to get moved to tears: the greatest gift, that witnesses the immeasurable sensibility of these guys.

As we were saying, tension. It could be felt since the very first steps: Piero, Ignazio and Gianluca, dressed in really elegant suits with ties, were tighter than copper wires, but managed to keep cool head and clarity of thoughts until the end, adding up 18 songs without even a trace of mistake or imperfection. Despite some performance anxiety, they were able to not misrepresent themselves, granting that right amount of funny jokes that marks them out: a formal circumstance, of course, but it was good not to lose some candor, that involved an already entranced by the event audience. Among the songs in three and the Orchestra solos, duets and solos performances were key elements, accompanied by encouragement gestures for the artists on stage coming from those in the backstage. One for all, all for one.

Il Volo and Plácido Domingo: a truly perfect connection between present and past, between a life spent among notes and scores and the desire to remember who has marked the history of music with his voice; all this being focused on the future, that will undoubtedly be written on the pentagram.
By closing our eyes, it was not that hard to imagine ourselves being in Caracalla, on July 25th, 1990.

It was supposed to be a tribute, and so it was. We have never felt the presumption to emulate the three great maestros of the 20th (and beginning of the 21st) century opera. Our certainty is assured by Mrs. Nicoletta Mantovani Pavarotti, sitting in the first row, and by Maestro Domingo meeting the challenge to conduct various songs performed by the tenors Piero and Ignazio and the baritone Gianluca. Describing this as an excellent tribute means resizing it. The guys excitement was guided by the great Maestro experience and fatherhood and by the constant presence of Il Volo’s staff.
A fantastic path through the most famous arias – “E lucevan le stelle” from Tosca for Piero, “La Danza” by Rossini for Gianluca and “Una furtiva lagrima” by Donizetti for Ignazio, this was the first round of solos – and the “bel canto” in its highest expression: “O surdato ‘nnamurato”, “Torna a Surriento” and “O paese d’o sole” among all, with “O sole Mio” to seal, once again, the love of the guys for “the Italian melody that will never die”. During the night there has been time also for American music, with an unforgettable “My Way”, as for songs taken from an everlasting musical such as West Side Story, and for the Zarzuela “En Aranjuez con tu Amor”, up to the traditional Mexican music of “Cielito Lindo”, performed by the trio, and the unique “No puede ser” by Piero. Not to mention the diamond set in the jewel, “Nessun Dorma”: an aria that for sure will soon turn out to be a turning point for the career of Il Volo.

A journey in time and space through the seven notes, that have rarely seemed to be so rich and precious, and that left a feeling inside us: this concert will really need time – and a DVD to watch over and over again – to be fully understood.
This is why we consider it as a personal concert, as each one of the attendees could review it in a different way.

However, we can’t forget to tell you how deeply moved us the vocal maturity we could hear in Piero, Ignazio and Gianluca: each one his way, but unambiguously. During these last few months, these guys made giant leaps forward. And we know for sure that this is the result of hours of studying in between concerts, journeys and interviews, demanding so much commitment and sacrifice, therefore deserving the right space and acknowledgement. Limits are set to be pushed forward, and we could see this!
As Maestro Domingo said, «They could have pursued a career in pop music, a different one; the decided to let themselves be inspired by us three instead – by José, Luciano and me». Some proud words coming from who lived the tribute concert as a protagonist.
We will be long accompanied by the perfect mix between thankfulness for this extraordinary tribute and the emotion and joy for having been part of it.
Thank you Plácido Domingo, thank you Il Volo.

P.S.: To close this review, we have to tell you that, once again, we could verify how really international Il Volo fans are, so international as the group career is itself. Indeed, what can not be taken for granted is the strong bond that has been created over the years between fans and between Il Volo and its fans. Half an hour before the concert started, Piazza Santa Croce welcomed hugs and reunifications: lovely expressions of affection in Italian, English, Spanish. Someone was meeting for the first time after months of interaction on Facebook, someone else was seeing each other again after a long time, due to the distance. Someone was socializing with those sitting nearby, using different languages, everyone ready to enjoy as much as possible the diamond of the Il Volo career.

Italiano

Il Volo e Plàcido Domingo: un incredibile tributo a I Tre Tenori in una notte davvero magica di Martina Maggi & Francy.b

Se dovessimo scegliere due aggettivi per descrivere “Una notte magica – Tributo ai Tre Tenori”, probabilmente vi racconteremmo di una serata irreale e personale. Indimenticabile, lo diamo per scontato!

Irreale perché splendente di luce a festa la meravigliosa Basilica di Santa Croce, uno scrigno di glorie italiane, con Dante lì a fianco, il suo mirare al palco: la migliore scenografia possibile per il leggendario Maestro Domingo e per il tesoro che Piero, Ignazio e Gianluca rappresentano per il nostro e loro paese, l’Italia. Ad accompagnare le loro incredibili voci, l’Orchestra e Coro del Teatro Massimo di Palermo, dirette dal Maestro Marcello Rota; le presentazioni risulterebbero superflue.

Irreale lo scroscio di applausi che ha accolto Domingo: una marea, un’ondata che ha travolto il Maestro, tributando tutto il rispetto dei fan e l’onore di poterlo vedere dal vivo a dirigere tre gioielli in cui tutti crediamo.

Personale il modo di vivere il concerto. Alle 23.30 ci siamo ritrovate sotto al palco a godere del bis del “Nessun Dorma” senza poter comprendere appieno ciò di cui eravamo stati testimoni. Irreale, appunto! Non appena risuonata l’ultima nota de il bis le reazioni sono state le più diverse: c’era chi non poteva credere che fosse già finito e chi si sentiva pienamente soddisfatto dell’esperienza vissuta, chi ha accolto ogni minuto e chi ha ascoltato il susseguirsi di pezzi in una totale trance, senza accorgersi del tempo che scivolava via.
Piero, Ignazio e Gianluca hanno sciolto la tensione dopo il brano conclusivo, tirando un metaforico (ma forse neanche tanto metaforico) sospiro di sollievo. Ecco perché si sono presentati sul palco nuovamente, accolti da incoraggiamenti e applausi, visibilmente più commossi ma tranquilli: hanno intonato “Nessun Dorma”, già canzone di apertura, per ringraziare il calore del pubblico. A Gianluca è bastato un attimo, uno sguardo alla famiglia che lo sosteneva, al pubblico che si accumulava sotto il palco, per emozionarsi fino alle lacrime: il regalo più bello che testimonia l’immensa sensibilità di questi ragazzi.

La tensione, appunto, palpabile fin dalle prime battute: Piero, Ignazio e Gianluca, in elegantissimi completi con tanto di cravatta, sembravano corde di violino, ma hanno saputo mantenere la mente fredda e lucida fino alla fine, totalizzando 18 canzoni senza un minimo errore o sbavatura. Nonostante l’ansia da prestazione, sono riusciti a non snaturarsi, concedendo il giusto apporto di battute spiritose che tanto li caratterizza: occasione formale sì, ma è stato un bene non perdere la freschezza, che ha coinvolto il pubblico già in estasi per l’evento. Tra le canzoni a tre e gli assoli dell’Orchestra, sono stati elementi chiave i duetti e le esibizioni singole, accompagnate da gesti di incoraggiamento dietro le quinte, indirizzati a chi rimaneva sul palco. Uno per tutti, tutti per uno.

Il Volo e Plácido Domingo: davvero un’alchimia perfetta tra presente e passato, tra una vita spesa fra note e spartiti e il desiderio di ricordare chi ha marcato con la sua voce la storia della musica, il tutto con lo sguardo fisso su un futuro che, senza dubbio, sarà scritto sul pentagramma.
Chiudendo gli occhi, non era poi così difficile immaginarsi a Caracalla, il 25 luglio del 1990.

Doveva essere un tributo, e così è stato. Mai abbiamo pensato ci fosse la presunzione di emulare i tre grandi maestri della lirica di fine ‘900 (e inizio 2000). La nostra certezza trova garanzia nella Signora Nicoletta Mantovani Pavarotti seduta in prima fila e nella sfida accettata dal Maestro Domingo di dirigere numerosi brani eseguiti dai tenori Piero e Ignazio e dal baritono Gianluca. Ed è stato un tributo che definire eccellente è riduttivo. L’emozione dei ragazzi guidata dall’esperienza e paternità del grande Maestro e dalla presenza costante ed insostituibile dello staff de Il Volo.
Un percorso fantastico tra le arie più famose – “E lucevan le stelle” dalla Tosca per Piero, “La Danza” di Rossini per Gianluca e “Una furtiva lagrima” di Donizetti per Ignazio, per il primo round di soli – ed il “bel canto” nella sua massima espressione: “O surdato ‘nnamurato”, “Torna a Surriento” e “O paese d’o sole” su tutte, con “‘O Sole Mio” a suggellare, ancora una volta, l’amore di questi ragazzi per “la melodia italiana che non morirà mai”. Nel corso della serata hanno trovato spazio anche la musica americana, con un’indimenticabile “My Way”, i brani tratti da un musical intramontabile come West Side Story e la Zarzuela di “En Aranjuez con tu Amor”, fino alla canzone popolare messicana di “Cielito Lindo”, eseguita in trio, e l’ormai impareggiabile “No puede ser” di Piero. Il diamante incastonato nel gioiello, “Nessun Dorma”: un’aria che senza dubbio si rivelerà presto uno spartiacque per la carriera de Il Volo.

Un viaggio nel tempo e nello spazio attraverso le sette note, che raramente ci erano sembrate così ricche e preziose e che ci hanno lasciato la percezione che questo concerto avrà davvero bisogno di tempo – e di un DVD da guardare e riguardare – perché lo possiamo comprendere appieno.
È per questo che lo consideriamo un concerto personale, che ciascuno dei presenti potrebbe recensire in modo differente.

Ma non possiamo non raccontare come ci abbia emozionato profondamente soprattutto la maturazione vocale che si è potuta notare in Piero, Ignazio e Gianluca: ciascuno a suo modo, ma con indubbia nettezza. Questi ragazzi, in pochi mesi, hanno fatto passi da gigante. E sappiamo con certezza che sono frutto di ore di studio tra un concerto e l’altro, tra un viaggio e un’intervista, che hanno richiesto tanto impegno e sacrificio e che meritano il giusto spazio e riconoscimento. I limiti sono fatti per essere superati, e si è visto!
Come ha affermato il Maestro Domingo, «Potevano fare una carriera pop, diversa, invece hanno deciso di ispirarsi a noi tre – José, Luciano e me». Parole di orgoglio da chi ha vissuto da protagonista il concerto oggetto di tributo.
Il mix perfetto di gratitudine per questo straordinario tributo e di emozione e gioia per esserne state parte ci accompagnerà a lungo.
Grazie Plácido Domingo, grazie Il Volo.

P.S.: Per concludere questa recensione, vi dobbiamo raccontare che, ancora una volta, abbiamo potuto constatare quanto siano indubbiamente internazionali i fan de Il Volo, come d’altronde è internazionale la carriera stessa de il gruppo. Ciò che non è per nulla scontato, invece, è il forte legame che si è creato anno dopo anno tra i vari fan e tra Il Volo e i fan stessi. Nella mezz’ora che ha preceduto il concerto le scene che Santa Croce ha accolto sono state di abbracci e ricongiungimenti: frasi di affetto esclamate in italiano, inglese, spagnolo, chi si incontrava per la prima volta dopo mesi di interazione su Facebook, chi si vedeva di nuovo dopo un lungo periodo, causa distanza, chi socializzava con i vicini di posto, in diverse lingue, tutti pronti per godersi al meglio il diamante della carriera de Il Volo.

Like this Article? Subscribe! / Ti piace questo articolo? Iscriviti!

16 thoughts on “Il Volo and Plácido Domingo: an incredible tribute to The Three Tenors in a truly magic night / Il Volo e Plácido Domingo: un incredibile tributo a I Tre Tenori in una notte davvero magica

  1. Bellissima recensione come sempre scritta in modo che chi legge si sente parte viva di una “notte magica” anche se non era presente al concerto.
    E ora a noi, ero sicura del vostro ritorno, perchè chi mette tanto amore nel proprio lavoro non può uscirne e vivere da spettatore. Qualsiasi sia il motivo che ci spinge a sentirci offesi per un qualcosa, il tutto viene ridimensionato, come in questo caso, dal fatto che l’amore per Il Volo supera qualsiasi ostacolo.
    Quindi bentornato AAIV e auguro a voi tutti una buona giornata, Olga

  2. Pingback: A gaze on the World Tour 2016, all the dates / Uno sguardo al Tour Mondiale 2016, tutte le tappe | All About Il Volo

  3. Bellissimo questo tuo commento, io c’ero e posso confermare che e’ stato davvero così, in un attimo il tempo è scorso via e le emozioni sono state tantissime ……e le loro voci, immense, bravissimi Ignazio Piero e Gianluca e vedere l’amicizia e il supporto uno per l’altro, impagabile. Bellissimo l’affetto e il rispetto verso Placido Domingo. Una serata davvero magica.

  4. Thanks for this beautiful review of an obviously outstanding night with Il Volo and Placido Domingo! The videos which I have seen so far are somewhat unsatisfactory in quality and therefore your describing so many details really makes me feel as if I had been there on the Plaza in front of the Basilica! Thank you very much!
    Greetings from Germany!
    Geerti

  5. Thank you so much Martina and Francy for sharing this truly magical night with us and in such a beautiful setting. So many of the concerts in Italy have been in the most beautiful arenas or plazas. From the videos I have seen, it was spectacular and Piero, Ignazio and Gianluca seemed excited but calm. There had to be so much pressure on them but they came shining through just as they always do. Loved seeing them smile and pat or put an arm around one another. I’ve always wanted to hear them sing “Nessun Dorma” and it was beautiful and to share it all with Maestro Domingo was so lovely. Looking forward to the DVD and CD.

  6. Bentornati AAIV!!!
    Anch’io ero certissima del vostro ritorno, siccome l’amore, la fede e l’entusiamo che Tutti Voi provate per Il Volo non poteva e non doveva assolutamente tenervi lontano e in silenzio!!! Sono contentissima!!
    La vostra recensione vivacissima per noi che non eravamo li’. Per i nostri Piero, Ignazio e Gianluca che dire, come si puo’ descrivere la magia dei sentimenti, lo splendore vocale, e la magnificenza estetica in tutte le dimensioni??!!!
    Impareggiabili!!!

  7. I am just getting around to reading this wonderful review of “Una Notte Magica.” Your detailed account brought to light what can not be seen on Youtube videos. I look forward to seeing this amazing concert when it airs in the U.S. on PBS and, of course, purchasing the DVD and CD so I can view and listen to them time and time again. They will become part of my cherished complete collection of every CD and DVD Il Volo has ever released…in any language…even those CDs on which the guys had only a small part (Lucho Gatica’s album “Best Boleros Duets: Historia De Un Amor,” Ricardo Montaner’s album “Agradecido,” and the “If I Can Dream…Elvis Presley” album). Thank you All About Il Volo for sharing what was truly “una notte magica.”

  8. Pingback: Agenda – luglio – 2016 | All About Il Volo

  9. Pingback: July 1st, 2016 – Il Volo and Plácido Domingo in Florence – the day after on the press / 1 luglio 2016 – Il Volo e Plácido Domingo a Firenze – il day after sulla stampa | All About Il Volo

  10. I have seen many clips here and there of the concert but you have described the tribute so beautifully that it made me feel like I was part of the magic. I wish I could have been there to have seen it live and I can’t wait until the CD goes on sale so we can enjoy this concert like we were there. I was in awe how the three young men could hit certain notes and sing as they did.
    I appreciate everything you wrote us and in English.
    Barb :>

  11. The experience you shared with us – I was almost able to ‘feel’ those moments as if I was there. AWonderful review – thank you!

  12. Pingback: Really a magic night: Il Volo in concert on Canale 5 / Veramente una notte magica: Il Volo in concerto su Canale 5 | All About Il Volo

  13. Pingback: Il Volo | Radio Subasio, gallery, podcast & some news! [ENG/ITA] | All About Il Volo

Leave a Reply to Penny Doskow Cancel reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.