Il Volo on Opera News: Blurred Lines / linee di confine

Il VoloInterview to Gianluca Ginoble of Il Volo!
Original article posted by Opera News on Vol. 80 no 9, March 2016, by Maria Mazzaro. ~ read the interview.

Intervista a Gianluca Ginoble de Il Volo!
Articolo originale pubblicato da  Opera News, nel Vol. 80 no 9 di marzo 2016, di Maria Mazzaro.. ~ qui l’intervista in italiano.

English

Blurred lines

Can the young singing group Il Volo use an eclectic mix of repertoire to inspire a new generation to love music steeped in tradition?
by Maria Mazzaro

MARCH 2016

IT’S A WEDNESDAY EVENING, and I’m attending a performance in a venue unlike any other I’ve attended on behalf of OPERA NEWS. The venue is the Barclays Center, Brooklyn’s giant sporting–concert venue, and the occasion is a production by Il Volo, a young Italian vocal group hailing from Italy that’s currently on the first leg of a U.S. tour. As I look up at the sports jerseys hanging from the ceiling, I can’t help but think this assignment was a mistake; I had been to Barclays to sit in the nosebleeds for a rock concert, and I see where the court could be for a Nets game, but I’m having trouble justifying being here on assignment from an opera magazine.

And then the orchestra begins and I am reminded of how much I like Il Volo’s music. I discovered the young talents on one of their PBS specials and was immediately hooked by their choice of repertoire. In this U.S. tour concert alone, the group sang Neapolitan and Italian songs, musical theater numbers, zarzuela, opera, and original pop songs, in Italian, English and Spanish. But what’s more is the vibrancy that each of the singers—who are Piero Barone, tenor; Ignazio Boschetto, tenor; and Gianluca Ginoble, baritone—bring to the selections, old and new alike. How often does a trio perform this repertoire in three-part harmony, and how many tenors are willing to run into the audience and stand on a chair while popping out that impressive, full-voiced high note? It’s a quality of their music that’s hard to ignore, and easy to understand: each is under the age of twenty-five, and from where they are currently in their careers, it seems they can only go up from here.

“We want to show to the young generation how beautiful this music is,” one of the group’s members, Ginoble, explains to me over the phone. It’s the day after his appearance at the Barclay’s Center, and he’s resting for a day before repeating the concert in D.C.; he has subsequent appearances in eighteen cities in the month of March alone. He admits that the group’s approach is unconventional; they get titles thrown out like “popera boy band” or “operatic pop singers,” and for justifiable reasons: Il Volo is a twenty-something-year-old Three-Tenors-meets-NSYNC. But Ginoble explains to me that Il Volo’s approach has so far been met with success. “In Italy, we sing in arenas of 20,000 people. And it’s normal [to try and reach young people in this way] because young people are used to different kinds of boy bands—of rock boy bands and pop boy bands. It’s an important part of music culture.”

Ginoble notes that this music is timeless, and yet not enough young people are familiar with it, despite the large influx of immigration from Italy to the U.S. in the last century. “We’ve always wanted to communicate the beauty of Italian culture, since the beginning. This music conveys the emotions. We can be funny, we can be emotional. It’s all in the music.” Ginoble has a warm lyric baritone, and his speaking voice is equally mellifluous as he explains to me his passion for Italian songs and arias as well as music made popular by Italian–American singers. “The golden age of pop singing—Sinatra and [Dean] Martin—is all an evolution of singing stooped in Italian tradition—Mario Lanza and Caruso. They all had the same type of voices, but the melodies and the type of music was different.”

THE THREE MEMBERS of Il Volo gained instant fame in their childhood (teenage, ndr), when they competed in 2009 as solo artists in the Sanremo Music Festival (actually, it was theTV talent show Ti lascio Una Canzone. They gained the Sanremo Music Festival in 2015, ndr), Italy’s most popular song contest. On the heels of the recent successes of The Three Tenors and various other Three Tenor spinoff groups, a Sanremo exec (in reality, the director of Ti Lascio Una Canzone) had the idea to put the then-children together as a trio. Il Volo certainly isn’t the first group born out of the Three Tenors fame—have you heard of China’s Three Tenors? The Irish Tenors? Il Divo?—but it could be the freshest, and, what’s more, it’s been the three original members since the beginning. Il Volo has also recorded and performed in concert with Plácido Domingo, and the group will perform at a tribute to the great tenor in June in Madrid, at the Real Madrid Santiago Bernabéu stadium. “He is our friend,” Ginoble tells me, citing the wealth of knowledge and wisdom Domingo has imparted onto the group.

Besides having worked with Domingo, Il Volo has also toured with Barbra Streisand and has racked up a fair share of recording accolades. They are three-time platinum-recording artists in Italy; have an album and video produced by music-giant Emilio Estefan; are the first Italian artists to directly sign with an American record label; and released a Christmas album that hit iTunes’s Top 10 albums of the season.

Ginoble explains to me that their U.S. tour concert is more diverse than their performances in their homeland to cater to the different audiences. “In American tour, we sing all the classical songs. In Italy, we have new songs, no covers. It’s a completely different concert.” OPERA NEWS audiences will be familiar with a majority of the “classical song” selections; opera singers have been championing these Neapolitan standards in entire albums or as concert encores for centuries. “O Sole Mio,” composed in the late 1800s, won Luciano Pavarotti a Grammy Award in 1980; in the mid-twentieth century, Tito Schipa introduced the world to “Anema e Core;” and in 2015, Juan Diego Flórez released his Italia album. I’ve been a fan of these songs and artists all my life, and yet I can’t ever remember hearing any of these songs performed in three-part harmony, as Il Volo performs them. Their complete string section is also fortified by an electric guitar and drums. When I asked Ginoble about traveling with a conductor and orchestra, as opposed to a pianist, he almost didn’t understand the question. “We need the orchestra,” he replied simply. “It’s part of our music.”

They also perform duets and solos throughout the concert, and this is when the individual voices of the members were truly able to shine. Barone and Ginoble performed “My Way,” in a version made popular as a duet by Frank Sinatra and Pavarotti, released on the album Sinatra 80th: Live in Concert. This duet perhaps most accurately demonstrated what Il Volo is about: Ginoble’s voice is that of a smooth crooner, sultry with a delicate vibrato and a warm forward residence; Barone’s is a hard punch of an operatic powerhouse. It’s a broad-based mix, and I haven’t even gotten to the Bernstein or Lloyd Webber selections, nor late-twentieth century song selections (like “Caruso,” a 1980s tribute song to the opera icon).

Perhaps the most “classical” selections would be those of Barone, whose dream, he told the audience at Barclays, is to be an opera singer. He sang Cavaradossi’s “E lucevan le stelle” and the zarzuela aria “No puede ser” with powerful command of forte and mezza voce. He also sang them with a microphone, to fill out the vast expanse of the more than 18,000-seat arena at Barclays. But it didn’t detract from the emotional impact of the performance, and he received a standing ovation—as did an overwhelming majority of the songs in the two-hour concert.

If you don’t have any preconceived notions about the border between opera and pop, or if you’re willing to suspend them, then these concerts are for you. (Full tour information can be found on the artists’ website.)

“We are just simple guys who want to show to the world how beautiful is our country,” Ginoble concludes. He’s just told me that he has to cut our conversation short because the group has yet another interview directly after ours. It must be exhausting, but his passion for the art form still rings clear. “In Italy, we’ve got it. We need to be more present in the United States.” He laughs. “But we are [in our] twenties. We have time.”

Italiano: Tradotto da Bradamante e Francy.b

Il Volo
Linee di confine

Può il giovane gruppo vocale Il Volo usare un eclettico mix di repertorio per ispirare le nuove generazioni ad amare una musica immersa nella tradizione?
di Maria Mazzaro

MARZO 2016

È un mercoledì sera, e sto seguendo un’esibizione in un luogo diverso da ogni altro che ho frequentato per conto di Opera News. Il luogo è il Barclays Center, la gigantesca sede di eventi sportivi e concerti, e l’occasione è lo spettacolo de Il Volo, un giovane gruppo vocale italiano che arriva dall’Italia che in questo momento si trova nella prima parte di un tour negli Stati Uniti. Mentre guardo su alle maglie sportive che penzolano dal soffitto, non posso fare a meno di pensare che questo incarico sia stato uno sbaglio; sono stata al Barclays a sedere nella sezione più distante dal palco per un concerto rock, e vedo dove potrebbe essere il campo per la pallacanestro, ma sono in difficoltà a giustificare l’essere qui su incarico di una rivista sull’opera.

Ma poi l’orchestra comincia e mi viene ricordato quanto mi piace la musica de Il Volo. Ho scoperto questi giovani talenti in uno dei loro speciali PBS e sono stata immediatamente catturata dalla loro scelta di repertorio. Parlando esclusivamente di questo tour statunitense, il gruppo ha cantato canzoni napoletane e italiane, brani di musical, zarzuela, opera, e canzoni pop originali in italiano, inglese e spagnolo. Ma quello che c’è in più è la vivacità che ognuno dei cantanti – che sono Piero Barone, tenore; Ignazio Boschetto, tenore; e Gianluca Ginoble, baritono – apportano alla selezione dei brani, vecchi e nuovi allo stesso modo. Quanto spesso capita che un trio si esibisca in questo repertorio in armonia di tre parti, e quanti tenori sarebbero disposti a correre fra il pubblico e a stare in piedi su di una poltrona mentre emettono quell’impressionante acuto a piena voce? È una caratteristica della loro musica che è difficile da ignorare, e facile da capire. Ognuno di loro è sotto i venticinque anni di età, e dal punto in cui si trovano attualmente nelle loro carriere, sembra che non possano che andare verso l’alto da qui.

“Vogliamo mostrare alle giovani generazioni quanto è bella questa musica,” mi spiega al telefono Ginoble, uno dei membri del gruppo. È il giorno dopo la loro apparizione al Barclay’s Center, e sta riposando per un giorno prima di ripetere il concerto a Washington D.C.; avrà esibizioni susseguenti in diciotto città nel solo mese di marzo. Ammette che l’approccio del gruppo non è convenzionale; attribuiscono loro titoli come “popera boy band” o “cantanti di operatic pop”, e per ragioni giustificabili: Il Volo è un gruppo sui venti e qualcosa di Tre Tenori che incontrano gli NSYNC. Ma Ginoble mi spiega che l’approccio de Il Volo si è finora sposato con il successo. “In Italia cantiamo in arene da 20.000 spettatori. Ed è normale [cercare di raggiungere i giovani in questo modo] perché i giovani sono abituati a differenti tipi di boy band – di boy band rock e pop. È una parte importante della cultura musicale.”

Ginoble osserva che questa musica è senza tempo, e tuttavia ancora non abbastanza giovani la conoscono, nonostante la vasta influenza dell’immigrazione dall’Italia agli Stati Unito nel secolo scorso. “Abbiamo sempre voluto trasmettere la bellezza della cultura italiana, fin dal principio. La musica trasmette le emozioni. Possiamo essere divertenti, possiamo essere commossi. C’è tutto nella musica.” Ginoble ha una voce calda da baritono, e la sua voce nel parlare è ugualmente melliflua mentre mi spiega la sua passione per le canzoni italiane e le arie così come per la musica resa popolare dai cantanti italoamericani. “L’epoca d’oro della canzone pop – Sinatra e [Dean] Martin – è tutta un’evoluzione del canto che ha radici nella tradizione italiana – Mario Lanza e Caruso. Tutti loro avevano lo stesso tipo di voce, ma le melodie e il tipo di musica erano differenti.”

I TRE MEMBRI de Il Volo hanno ottenuto una fama istantanea nella loro infanzia (adolescenza – NdT), quando hanno gareggiato nel 2009 come artisti individuali nel Festival di Sanremo (in realtà era il talent show televisivo Ti lascio Una Canzone. Hanno vinto il Festival di Sanremo nel 2015, NdT) la più famosa competizione canora italiana. Sulla scia del recente successo dei Tre Tenori e di altri vari gruppi ispirati ai Tre Tenori, un dirigente di Sanremo (in realtà, il regista di Ti Lascio Una Canzone) ebbe l’idea di mettere gli allora ragazzini insieme come un trio. Il Volo non è certamente il primo gruppo nato in seguito alla fama dei Tre Tenori – avete sentito dei Tre Tenori della Cina? Dei Tenori Irlandesi? De Il Divo? – ma potrebbe essere il più fresco, e, per di più, è stato composto dai tre membri originali fin dall’inizio. Il Volo ha anche inciso e si è esibito in concerto con Placido Domingo, e il gruppo si esibirà in un tributo al grande tenore in giugno a Madrid, allo stadio del Real Madrid, il Santiago Bernabeu. “È un nostro amico,” mi dice Ginoble, citando la ricchezza di conoscenza e saggezza che Domingo ha impartito al gruppo.

Oltre ad aver lavorato con Domingo, Il Volo ha anche fatto un tour con Barbra Streisand e ha ammucchiato un bel po’ di premi discografici. Sono tre volte disco di platino in Italia; hanno un album e un video prodotti dal gigante della musica Emilio Estefan; sono i primi artisti italiani a firmare un contratto direttamente con una casa discografica americana; e hanno pubblicato un album natalizio che è stato nella Top 10 album di iTunes della stagione.

Ginoble mi spiega che il loro concerto del tour americano è differente dalle loro esibizioni nella loro terra natale per soddisfare un pubblico differente. “Nel tour americano cantiamo tutte le canzoni classiche. In Italia abbiamo le canzoni nuove, non le cover. È un concerto completamente differente.” Il pubblico di OPERA NEWS conoscerà la maggior parte delle “canzoni classiche” della selezione; i cantanti d’opera hanno proposto questi classici napoletani in interi album o bis di concerti per secoli. “O Sole Mio,” composto alla fine dell’ottocento, ha fatto vincere a Luciano Pavarotti un Grammy Award nel 1980; nella metà del ventesimo secolo Tito Schipa presentò al mondo “Anema e Core,” e nel 2015 Juan Diego Flórez ha pubblicato il suo album “Italia”. Sono stata una fan di queste canzoni e artisti per tutta la mia vita, e tuttavia non riesco a ricordare di aver ascoltato nessuno di questi brani cantato in armonia di 3 voci, come li propone Il Volo. La sezione completa degli archi è sostenuta anche da una chitarra elettrica e dalla batteria. Quando ho chiesto a Ginoble a riguardo del viaggiare con un direttore e un’orchestra, invece che con un pianista, lui quasi non ha capito la domanda. Ha semplicemente risposto: “abbiamo bisogno dell’orchestra. E’ parte della nostra musica”.

Loro inoltre si esibiscono in duetti e soli durante il concerto, e questo è il momento in cui le voci individuali dei membri riescono davvero a splendere. Barone e Ginoble si sono esibiti in “My Way,” in una versione resa popolare come duetto da Frank Sinatra e Pavarotti, uscita nell’album Sinatra 80th: Live in Concert. Questo duetto ha forse dimostrato nel modo più accurato che cos’è Il Volo: la voce di Ginoble è quella liscia di un crooner, calda e con un vibrato delicato e una capacità di avvolgere l’ascoltatore; Barone ha la forza travolgente di un pezzo grosso dell’opera. E’ un mix con una base ampia, e non sono nemmeno arrivata a parlare dei brani di Bernstein o di Lloyd Webber, né delle canzoni di fine ventesimo secolo (come “Caruso,” un tributo degli anni ’80 all’icona dell’opera).

Forse quella di Barone sarebbe una selezione di brani più “classica”, il cui sogno, l’ha detto al pubblico del Barclays, è di diventare un cantante d’opera. Ha cantato il “E lucevan le stelle” di Cavaradossi e l’aria della zarzuela “No puede ser” con forte controllo della voce forte e della mezza voce. Le ha cantate anche con il microfono, per riempire il vasto spazio da più di 18.000 posti dell’arena del Barclays. Ma ciò non ha sminuito l’impatto emotivo della performance, e lui ha ricevuto una standing ovation—come è successo per la stragrande maggioranza dei brani nelle due ore di concerto.

Se non avete alcun preconcetto sui confini tra l’opera e il pop, o se volete sospenderli, allora questi concerti fanno per voi. (Informazioni complete sul tour si possono trovare sul sito web degli artisti.)

“Siamo soltanto dei semplici ragazzi che vogliono mostrare al mondo quanto bello è il nostro paese,” conclude Ginoble. Mi ha appena detto che deve concludere la conversazione in breve tempo perché il gruppo ha già un’altra intervista subito dopo la nostra. Dev’essere estenuante, ma la sua passione per l’arte risuona forte e chiara. “In Italia ci siamo. Dobbiamo essere maggiormente presenti negli Stati Uniti.” Sorride. “Ma abbiamo vent’anni. C’è tempo.”

 

Source / Fonte: Blurred Lines on Opera News

Like this Article? Subscribe! / Ti piace questo articolo? Iscriviti!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.