Interview to Maestro Diego Basso on Fattitaliani.it / Intervista al Maestro Diego Basso su Fattitaliani.it

Maestro Basso and Il Volo Fattitaliani.it

Credits: Fattiitaliani.it

We are pleased to share and translate into English this amazing interview released by Maestro Diego Basso – the director of Orchestra Filarmonia Veneta and of all orchestras that play for Il Volo in Italy – to Elisabetta Ruffolo of Fattitaliani.it, on January 20th, 2016 – probably before the concert of Il Volo in Caserta. Here’s to you! – Read in English

Siamo lieti di condividere e tradurre in inglese questa splendida intervista, concessa dal Maestro Diego Basso, direttore dell’Orchestra Filarmonia Veneta e di tutte le orchestre che suonano per Il Volo in Italia – ad Elisabetta Ruffolo di Fattitaliani.it il 20 gennaio 2016, probabilmente prima del concerto de Il Volo a Caserta. A voi! – Qui in Italiano


English

Diego Basso, the interview of Fattitaliani to the orchestra director: passion makes the difference

Diego Basso, great Maestro, great Man, music runs through his veins, his soul and his heart. Music is life. A “precious gift” that he carries on and wants to pass on to young guys with great humility. 

Would Music – meant as “sound of the Universe” – exist even without human beings?
I do believe so. We hear sounds, we intercept them and, sometimes, we don’t know where they come from – who knows what they mean! In our world, we only think of a sound made with the 4,42 string of A, while in the Universe we don’t know what kind of concerts and music we could find. To me, in a broader vision, surely there must be something. This is one of the reasons why the Universe exists, otherwise we would only have the Earth.
What is music for you?
It is life. Music belongs to you and you listen to it, or you have it within and so you live out of music – music becomes all of your reference points. I made some radical choices in life for music. Early today, I told to the guys of the Youth Orchestra that absolutely, they don’t have to lose faith in music: if they put commitment, passion, life in it, music will make them anyway happy, whatever their income will be.
Becoming an Orchestra conductor needs years of studying and sacrifice. What is the push that keeps sustaining you?
Because I like it, passion is the element that makes the difference. Whatever your job is, if you do it with passion, you will do it in a better way and, most of all, you will feel good with yourself and with the others. This is the goal.
Who inspired you to choose this job?
Surely, Lorin Maazel. I adore him and I have been adoring him since I was young and I watched New Year’s Day concerts. To me, he was a great Maestro. Then, once – I was not only a conductor yet – I saw a dress rehearsal of Riccardo Muti at La Scala and for ten days I just lost the bubble, I was totally messed up: the magic of that night shut me down. They were the two people that have marked the choice form my life.
I started at a very young age, at 16 I was directing choirs – first, the church one and then the Alpini one. I chose conduction, as I felt it was what I liked and what I wanted to do.
Which was the toughest moment of your career?
I can’t recall an enormous difficulty, but many important moments – for instance, the Concert at the Senato with Il Volo. Getting there, the only time when the Parliament session goes on up to 8am in the morning, not being able to rehears and going straight into a worldwide broadcast. Those are moments of great tension, but also of great composure.
To be able to do what I do, studying is not enough – you need to have the luck that “someone” gave you something more to do it. A gift. I always thank the Lord, my dad and my mum that gave me this gift. To me, being an orchestra conductor is the easiest thing in the world, it is natural. I have not followed my father’s footsteps and neither my children share my job. I’m a transition between two generations.
Which is the greatest fault of an orchestra conductor?
I believe that not being themselves, being willing to do something that you are not able to do, is the worst thing. Everyone of us needs to have the honesty to do what he/she is able to do.
We can see situations that are nonsenses, in heaven or on earth! Unfortunately, in Italy there are facts, especially in pop music, that cannot be accepted. The conductor has an important role, he’s not there just for the sake of it. To be there you need to have your own opinion, you need to pay respect to who is in front of you. You need to know, in order to say and do things.

Maestro Basso Fattitaliani.it

Credits: Fattiitaliani.it

Given the situation of music of a certain level in Italy, what pushes you to stay?
Again, the passion for what I do. I have just got back from an experience in China, where I conducted the third orchestra “Guangzhou Simphony Orchestra”. Amazing, awesome, important, but when you want to play an Italian style phrasing, no one can be better than us. Luckily, I’d say! We are messy, yes, but when it comes to put our heart in what we do, we are unique. If it wasn’t like this, they (the Chinese) are good in everything: and, at that point, we could stay home. We are still able to tour the world doing this, instead.
If you could bring back to life a great personality from the past, who would you pick?
One of the greatest in the past has been Herbert Von Karajan: I saw a rehears on YouTube once – I don’t remember the orchestra – but I was astounded! The rehears is over and he gets angry as they made a mistake. At that point I told myself: “You don’t understand anything, you do this job and you haven’t realized it”. We are on a completely different dimension.
I would also bring back to life Lori Maazel, my idol. I liked him, as he was the “rigid” type of conductor, perfect, but with heart and soul. His assistant told me that he was used to go out to set the orchestra, and worked hard in order all to be perfect when they arrived. When the Director came for the dress rehearsal, a touch of the baton on the music stand was enough for the orchestra to do extraordinary things. We’re talking about absolute excellence.
If I tell you Music… is it a school?
It should be… it should. This is a very difficult and open topic. From the Reform of the conservatories to all what follows. There is no coordination, but music cannot be born like this. Guys that get their Diploma at 14, they are phenomenons.
A lot of music is also born from people who are not aware of being musicians. So, in order to give a chance to all, music should be in elementary and middle schools as well, not only in music schools; music should be at all levels, as it happens abroad, and we should not only study how to play a recorder.
On the professional side, when you set a reform, you should do it with intelligence and thinking only about it – and not barely from a political point of view, that after 5 years, with a new Government, you can change the reform and we are back to the beginnings and without understanding anything. Conservatories become Universities, but Music High schools are not organized, where are Music High schools? We have been talking about it for ten years, but there is no connection in-between. You study an instrument, after five years you get your Diploma, but what if you were a talent before? What happens? In Italy, there’s some chaos on these things. Another important thing is that many musicians go abroad to become professionals – this should make us think about it. Being homeland of Poets, Saints, Sailors and Singers is in the Italian character. Opera was born here. It’s a pity we don’t have a more organized path to build specialized schools.
“You can be a musician even without knowing it” – how would you explain music to a layman?
Everyone has music inside, like a seed: someone makes it sprout up and someone else not. When it geminates, it can do it in thousand ways. I believe music is something that always accompanies us, I have never heard of a person that is not listening to music. It is the soundtrack of our life. Let’s start from the most simple thing, the lullaby that your mum sings to you. The experience of making a baby in the womb listen to music is incredible, as it changes what he perceives. Music is made of vibes, and even if a mum is out of tune, the lullaby is amazing, the baby that is listening to it falls asleep in any case. Music opens the gates to an incredible world, it is a universal language. Everybody says this, but they are not just saying it, it really is something powerful.
Can you tell us about a typical day with Il Volo?
If there is a new orchestra – as it didn’t play on any previous dates – in the morning there is a rehearsal with the orchestra, in the afternoon with the guys and the orchestra, in the evening the concert. Instead, if the orchestra has already played on previous dates, we rehears in the afternoon and in the evening we have the concert. This is our job, moving from a city to another.
In your opinion, why do young people tend to distance themselves from classical music and, sometimes, some people even despise it?
If music is not known, if you don’t listen to it, if nobody makes them listen to it, it is impossible to admire it. A guy listens to what he is introduced to and then he choses. If classical music is presented as music for old people, it is difficult that he can get close to this kind of music. It is a duty for all of us – from institutions to families – to make them listen to a bit of classical music, maybe explaining why. Let’s think to the fact that Opera had been written for the people. In the past, all less well-off people humbly sang opera songs. It was normal, as today it is normal to sing a pop song. Then, opera has been structured to become something for important people, a niche thing. We are not able to fill the Arena (of Verona), theaters. It seems a folly: we see singers filling stadiums, it may look fair that also opera could do it. Why is it not for all? The prices of the tickets are crazy, we are not able to take it out of a theater, we don’t take young guys to listen to it. Radios never transmit an opera song. When Il Volo performs “E Lucevan le stelle”, they bring the house down. The same happens with other opera songs. Standing ovations are given on classical songs, and from young boys and girls that listen to pop songs. People acknowledge, if you make them listen to those songs, otherwise not. In the 19th century, on the gramophone “Verdi” was listened to, and he was a “pop” songwriter – in the meaning of him being an operas writer, and those were the ones that were running.
Sometimes, guys who love classical music don’t talk about it with their peers, as they are mocked.
This is the consequence of what I was saying before. It has become a music for old people. This was created by us, so we should all ask ourselves why. It is not possible that people’s music has become niche music. The path to follow is to make it available for all; to allow young guys to listen to it, in order to be able to sing it. The great Italian melody, we invented it. Puccini and Verdi’s arias were born here. We created it and then the Americans transformed it in musicals, in “operetta”. All this is the evolution, but the usability is still missing. Bocelli made a step forward with the New Italian Romanza by Sartori. “Con te partirò” has been a new way to make music. It has struck a chord with us and, as if it was a seeds, made it grow by watering it. He has opened a new era, and it was easy to make this kind of music explode. It is a moral duty for all of us to bring opera and classical music back to life, in order to make them available for all. In the TV shows, opera is scheduled at 3am. Rai5 channel does something, but we don’t have any show on the main public television channels that take care of opera. Radios do not broadcast anything that is not commercial. The guys of “Il Volo” are bringing to light songs that were not known before, and this is an important fact. We hope to be able to bring also “O paese do sole”. A great majority of those who came to the previous concert didn’t even know half of these songs and the Palasport was brought down – tonight will happen the same. These songs were written by Sartori, Tosti, Leoncavallo. They are great melodies, as they were written by great composers. Nowadays, nobody works as an author – this is not turning out to be a good time in history and we have to admit it. There are no more investments on productions, as everything has to be soon usable and then disappear in a year, a year and a half. There are no more 100.000 copies to get a Gold Disc. You have to get 5 Gold Discs to sell 100.000 copies. So, or you don’t give Gold Discs anymore, or you set the limit at 20.000. It is a commercial fact: in the change of speed, music needed to adequate herself – “I sell 10.000 copies of 100 albums instead of a million copies”. It is not the same thing.


Italiano

Maestro Basso and Il Volo Fattitaliani.it

Credits: Fattiitaliani.it

Diego Basso, l’intervista di Fattitaliani al direttore d’orchestra: la passione fa la differenza

Diego Basso, grande Maestro, Grande Uomo, la musica gli scorre nelle vene, nell’anima e nel cuore. La musica è la vita. Un “dono prezioso” che porta avanti e che vuole trasmettere ai giovani con grande umiltà.

La musica intesa come “suono dell’Universo” esisterebbe comunque anche senza l’uomo?
Credo di sì. Sentiamo dei suoni, li captiamo ed a volte non sappiamo da dove arrivano, chissà cosa vogliano dire perché magari nel nostro mondo pensiamo soltanto al suono fatto con la cordatura a 4,42 del La, invece magari nell’Universo non sappiamo quali concerti e quale musica troviamo. Secondo me in una visione ampia, sicuramente ci sarà qualcosa. È anche per questo che l’Universo esiste, altrimenti esisterebbe soltanto la Terra.
Cos’è per Lei la musica?
È la vita. La musica o ti appartiene e l’ascolti, oppure ce l’hai dentro e quindi vivi della musica. Qualsiasi tuo riferimento diventa la musica. Ho fatto delle scelte radicali di vita, per la musica. Oggi dicevo ai ragazzi dell’Orchestra giovanile che non devono assolutamente perdere la fiducia nella musica, se loro ci mettono voglia, passione, vita, la musica li farà felici comunque a prescindere dal guadagno che ne ricaveranno.
Diventare Direttore d’Orchestra, prevede anni di studio e di sacrifici, qual è la spinta che la fa andare ancora avanti?
Perché mi piace, per la passione che è l’elemento che fa la differenza. Qualsiasi lavoro, se si fa per passione, lo si fa meglio e soprattutto fa stare bene con se stessi e con gli altri. È questo lo scopo.
Quando ha scelto questo mestiere a chi si è ispirato?
Sicuramente a Lorin Maazel. Lo adoro e lo adoravo fin da piccolo quando vedevo i Concerti di Capodanno. Per me è stato un grande Maestro, poi una volta, quando ancora non facevo solo il Direttore, ho visto una generale di Riccardo Muti alla Scala e per dieci giorni non ho più capito niente, ero in una confusione totale, la magia di quella sera mi ha mandato veramente in tilt. Sono state le due persone che hanno segnato la mia scelta di vita. Ho iniziato giovanissimo, a sedici anni a dirigere i Cori, prima quello parrocchiale e poi quello degli Alpini. Ho scelto la Direzione, perché sentito che era ciò che mi piaceva e volevo fare questo.
Qual è stato il momento più difficile della sua carriera?
Non ho il ricordo di una difficoltà enorme ma ci sono tanti momenti importanti, ad esempio il Concerto al Senato con Il Volo. Arrivare lì, l’unica volta che il Senato fa la seduta fino alle otto del mattino, non poter provare ed andare in diretta in Mondovisione. Sono momenti di grande tensione ma anche momenti di grande serenità. Per fare quello che faccio non basta studiare, bisogna avere la fortuna che “qualcuno” ti abbia dato qualcosa in più per farlo. Un dono, ringrazio sempre il Signore, papà e mamma che mi hanno dato questo dono. Per me fare il Direttore è la cosa più semplice del mondo, mi viene naturale. Non sono figlio d’arte e neanche i miei figli fanno il mio lavoro. Sono un momento di passaggio tra due generazioni.
Il peggior difetto di un Direttore d’Orchestra?
Non essere se stesso credo sia la cosa peggiore, voler fare qualcosa che non si è capaci di fare. Ognuno di noi deve avere l’onestà di fare ciò di cui è capace. Vediamo in giro delle situazioni che non stanno più né in cielo né in terra. In Italia purtroppo ci sono delle situazioni, specialmente nella musica pop, che sono inguardabili. Il Direttore ha un ruolo importante, non è che si mette lì tanto per fare. Per essere lì devi avere un pensiero, devi comunque aver rispetto di chi è davanti a te. Devi conoscere per dire e fare delle cose.

Maestro Basso Fattitaliani.it

Credits: Fattiitaliani.it

Vista la situazione della musica di un certo livello in Italia che cosa la spinge a rimanere?
È sempre la passione per quello che faccio. Arrivo da un’esperienza in Cina, dove ho diretto la terza orchestra “Guangzhou Simphony Orchestra”. Stupendi, bravissimi, importanti, però quando si vuole fare un fraseggio all’italiana, non ci porta via nessuno. Per fortuna direi, perché siamo caciaroni ma quando c’è da mettere il cuore, siamo unici. Se non fosse così, loro sono bravi in tutto ed a quel punto, potremmo stare a casa. Invece, possiamo ancora andare in giro per il mondo a fare questo.
Se fosse in suo potere far rivivere un Grande del passato, chi sceglierebbe?
Uno dei più grandi del passato è stato Herbert Von Karajan, una volta ho visto una prova su YouTube, non ricordo quale fosse l’orchestra ma rimasi esterrefatto. Finisce la prova e s’incavola perché avevano fatto un errore. A quel punto ho detto “non capisco niente, faccio questo mestiere e non me ne sono accorto”. Siamo su una dimensione completamente diversa. Farei rivivere anche Lori Maazel, il mio idolo. A me piaceva perché era il Direttore “imbacchettato”, perfetto ma aveva un cuore ed un’anima. Il suo assistente mi raccontava che andava a preparare l’orchestra e sudava sette camicie per fare in modo che tutto fosse a posto al suo arrivo. Quando il Maestro arrivava per la generale, bastava che battesse la bacchetta sul leggio e l’orchestra faceva delle cose straordinarie. Parliamo di Eccellenze assolute.
Se Le dico Musica… è scuola?
Dovrebbe essere… dovrebbe. È un argomento molto difficile ed aperto. Dalla Riforma dei Conservatori ed a tutto quello che va dietro. Non c’è coordinamento, perché la musica non nasce così, i ragazzi che si diplomano a quattordici anni, sono dei fenomeni. Molta musica nasce anche da persone che non sanno di essere musicisti e quindi, per dare la possibilità a tutti, bisognerebbe che la musica fosse nelle scuole elementari e medie e non solo in quelle ad indirizzo musicale, che si facesse a tutti i livelli come già avviene all’estero e che non si studiasse solamente il flauto dolce. Per la parte professionale, quando si fanno le riforme, bisognerebbe che si facessero con intelligenza e pensando alle riforme e non ad un fatto solamente politico che dopo cinque anni, cambiato il Governo, cambia la Riforma e si riparte daccapo e non si capisce niente; il Conservatorio diventa Università, ma i Licei Musicali non sono strutturati, i Licei musicali dove sono? Dieci anni che se ne parla ma non c’è una correlazione. Studi uno strumento, ti diplomi dopo cinque anni ma se prima sei un talento, cosa succede? In Italia c’è un po’ di confusione su questo tipo di cose. Altra cosa importante è che moltissimi musicisti vanno a diventare professionisti all’estero, ciò fa pensare. È nella natura dell’Italia essere Terra di Poeti, Santi, Navigatori e Cantori. La musica lirica è nata qui, è un peccato non fare un percorso molto più strutturato per creare delle scuole specifiche.
“Si è musicisti anche senza saperlo” come spiegherebbe la musica ad un profano?
Ognuno ha la musica dentro come un seme, c’è chi lo fa germogliare e chi no. Quando germoglia, può farlo in mille modi. Credo che la musica sia qualcosa che ti accompagna sempre, non ho mai sentito una persona che non ascolti musica, essa è la colonna sonora della nostra vita. Partiamo dalla cosa più semplice, la ninna nanna che ti canta la mamma. L’esperienza di far sentire la musica ad un bimbo in grembo è incredibile perché cambia quello che lui percepisce. La musica è fatta di vibrazioni ed anche se una mamma è stonata, la ninna nanna è bellissima, il figlio che l’ascolta, prende sonno comunque. La musica apre un mondo che è incredibile, è un linguaggio universale, lo dicono tutti ma non tanto per dirlo, è veramente qualcosa di forte.
Mi racconta una giornata tipo con Il Volo?
Se l’Orchestra è nuova perché non ha fatto qualche data prima, al mattino c’è la prova con l’orchestra, al pomeriggio c’è una prova con i ragazzi e con l’Orchestra, la sera c’è il concerto. Se invece l’Orchestra ha già fatto altre date, si prova nel pomeriggio e la sera si fa il concerto. Questo è il nostro lavoro, trasferendoci da una città ad un’altra.
Secondo Lei perché i giovani tendono ad allontanarsi dalla musica classica ed a volte alcuni addirittura la disprezzano?
Se la musica non si conosce, non si ascolta, se nessuno gliela fa sentire, è impossibile apprezzarla. Un ragazzo sente ciò che gli viene proposto e sceglie. Se la musica classica, viene presentata come musica per i vecchi è difficile che possa avvicinarsi a questo tipo di musica. E’ dovere di tutti noi, dalle Istituzioni alle famiglie, far ascoltare un po’ di musica classica magari spiegandogli perché. Pensiamo al fatto che l’Opera è stata scritta per il popolo. Una volta tutte le persone meno abbienti, umili cantavano le arie della lirica. Era normale come cantare il pezzo pop di oggi. In seguito la lirica è stata strutturata perché diventasse una cosa per persone importanti, una cosa di nicchia. Non riusciamo a riempire l’Arena, i Teatri. Sembra una follia, vediamo cantanti riempire gli stadi, sarebbe giusto che lo facesse anche la lirica. Perché non è fruibile da tutti? I prezzi dei biglietti sono folli, non riusciamo ad esportarla all’esterno di un Teatro, non portiamo i ragazzi a sentirla. Le radio non mandano mai un pezzo lirico. Quando Il volo interpreta “E Lucevan le stelle”, viene giù il Teatro. Lo stesso succede con altri pezzi lirici. Le standing ovation arrivano sui pezzi classici e sono bambine e ragazzine che ascoltano i pezzi pop. La gente recepisce se glieli fai ascoltare, altrimenti no. Nell’800 sul grammofono si ascoltava Verdi che era un autore “pop” nel senso che era un autore di Opere ed erano quelle che funzionavano.
A volte i ragazzi pur amando la musica classica non ne parlano con i coetanei perché li deridono.
È la conseguenza di ciò che dicevo prima. È diventata una musica per vecchi. Questo lo abbiamo creato noi, quindi dobbiamo essere tutti a chiederci il perché. Non è possibile che una musica del popolo sia diventata di nicchia. Il percorso da fare è quello di renderla fruibile a tutti. Fare in modo che i ragazzi la sentano, per poterla cantare. La grande melodia italiana, l’abbiamo inventata noi. Le arie di Puccini, Verdi, sono nate qua. Siamo noi che l’abbiamo creata e poi gli americani l’hanno trasformata in musical, in operetta. Tutto questo è l’evoluzione ma, manca sempre la fruibilità. Bocelli ha fatto un passaggio con La Nuova Romanza Italiana di Sartori. Con “Con te partirò”, è stato un modo nuovo di fare musica. È andato a toccare delle corde che avevamo dentro e che come dei germogli, innaffiandoli, li ha fatti crescere. Ha aperto una nuova era, ed è stato facile far esplodere questo tipo di musica. È compito morale di tutti far rivivere la lirica e la musica classica per renderla fruibile a tutti. Nelle trasmissioni televisive, la lirica va alle tre di notte. Rai5 fa qualcosa ma non abbiamo nessuna trasmissione nelle Reti ammiraglie della Tv di Stato che si occupi di lirica. Le Radio non mandano nulla che non sia commerciale. I ragazzi de “Il volo” stanno portando alla luce brani che prima non si conoscevano ed è un fatto importante. Speriamo che si riesca anche a portare “O paese do sole”, gran parte di quelli che sono venuti ai concerti precedenti, non conoscevano neanche la metà di questi brani ed è saltato per aria il Palasport, stasera sarà lo stesso. Queste canzoni sono canzoni scritte da Sartori, Tosti, Leoncavallo. Sono grandi melodie perché sono scritte da grandi compositori. Oggi nessuno fa l’autore, non è un periodo storico fortunato e questo bisogna anche ammetterlo. Non c’è più investimento sulle produzioni, perché tutto deve essere fruibile ed in un anno, un anno e mezzo deve sparire. Non ci sono più centomila copie per fare Disco d’oro. Devi fare cinque dischi d’oro per fare centomila copie. Quindi o non fai più il Disco d’oro o lo metti a ventimila. E’ un discorso commerciale, nel cambio di velocità anche la musica si è dovuta adeguare, “invece di vendere un milione di copie, vendo cento album a diecimila”. Non è la stessa cosa.

Like this Article? Subscribe! / Ti piace questo articolo? Iscriviti!

4 thoughts on “Interview to Maestro Diego Basso on Fattitaliani.it / Intervista al Maestro Diego Basso su Fattitaliani.it

  1. Dear All About Il Volo, thanks for sharing with us this wonderful interview with Maestro Diego Basso. Best regards
    Cari All About Il Volo, grazie per aver condiviso l’intervista fatta al maestro Diego Basso. Belle parole che condivido. Tanti caris aluti

  2. Thank you for sharing this very interesting interview with Maestro Diego Basso. What he says is so true and hopefully more people will start listening to other forms of music. I’m sure we have the beautiful voices of Piero, Ignazio and Gianluca singing because their parents and grandparents exposed them to all the wonderful music of the past. Maestro Basso seems to really enjoy conducting for Il Volo and traveling with them.

  3. Dear AAIV, thanks again fo the english translation.
    Indeed, when Il Volo sing pieces like the amazing “E lucevan le stele”, people bring the house down -as Mr Basso said-. I saw it my own eyes at the Arena di Verona (and I will see it hopefully again in July). Personally, that perfomane made me cry.
    Grazie Diego Basso.
    Grazie Il Volo!

  4. Pingback: CULTURE LENS- Bellissima: ITALY AND HIGH FASHION 1945 - 1968 | FurInsider.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.